Elezioni sindaco del Consiglio del Principato e usi e costumi varie da altri Principati

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

Elezioni sindaco del Consiglio del Principato e usi e costumi varie da altri Principati

Messaggio  Admin il Mer Ott 22, 2008 7:24 pm

http://forum.iregni.com/viewtopic.php?t=378917 (Chiarimento per le elezioni del consiglio)

http://www.iregni.com/Sondage.php sondaggi sulle votazioni delle elezioni comunali
--------------------------------------------------------------------------------------------------------
schermate della creazione di un partito all Elezione del Consiglio del Principato
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56.htm#635
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56.htm#636

---------------------------------------------------------------------------------------------------------
(basi teoriche sulle figure politiche di un Principato e i loro ruoli e compiti)
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56.htm#158

(come creare una Lista per l elezione del Principato)
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56.htm#635

(come creare una Lista per l elezione del Principato)
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56.htm#636

----------------------------------------------------------------------------------------------------------
da Milano : i ruoli del Consiglio (Milano)
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56.htm#739

da Milano : Decreto sul visto per entrare nel ducato di Milano.
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-e-usi-e-costumi-varie-da-altri-principati-t56-30.htm#948
---------------------------------------------------------------------------------------------------------

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 1) - Principi fondamentali
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56.htm#740

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 2) - - Del Consiglio
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56.htm#741

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 3)
Della revoca, destituzione e dimissioni dal Consiglio della Repubblica
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#742

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 4)– Dei Municipi
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#743

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 5) - Della Legge
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#744

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 6) - - Dei diritti del Popolo
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#745

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 7) - Capo II - Dei diritti delle vittime
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#746

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 8 ) -- Dei Contratti
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#747

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 9 ) -- Dei Duelli
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#748

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 10 ) -- Dei doveri del cittadino
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#749

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 11 ) - Disposizioni finali
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#750

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 11 ) - Disposizioni finali bis
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#751

========================================================================================

domande varie prese dal forum francese
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#777
========================================================================================

da Modena sulle Cariche politiche istituzionali : Delle dimissioni dalle cariche pubbliche
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#845

da Modena : Delle forze armate
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#846

da Modena : Legge sulla sicurezza della Capitale e del Territorio Modenese
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-t56-15.htm#847
===========================================================================================

da Terra di Lavoro : CODICE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-e-usi-e-costumi-varie-da-altri-principati-t56-30.htm#849

da Terra di Lavoro : Regolamento del Giudice per le condanne
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-e-usi-e-costumi-varie-da-altri-principati-t56-30.htm#850
===========================================================================================
leggi da Principato degli Abbruzzi
http://giallosai.9forum.biz/il-tuo-primo-forum-f1/elezioni-sindaco-del-consiglio-del-principato-e-usi-e-costumi-varie-da-altri-principati-t56-30.htm#851
===========================================================================================

http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=7238838#7238838 (Eradicato un membro del consiglio: come sostituirlo?)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=4264696#4264696 (Elezione Consiglio del Principato)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=4964820#4964820 (Un dubbio sulle cariche del Consiglio)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=5143892#5143892 (problemi con lista Repubblicana)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=6309445#6309445 (Elezioni del Consiglio Provinciale)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=10560121#10560121 (Chiarimento per le elezioni del consiglio)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?t=180339 (Cariche Istituzionali)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=11881447#11881447 (non riesco a votare)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=20243360#20243360 (non riesco a votare)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=11609363#11609363 (Riduzione del corpus legislativo(modificare leggi))
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=5163279#5163279 (Ambasciatori.)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=5694150#5694150 (TM,alias Ministro del Commercio)
-------------------------------------------------------------------------------------------------------
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?t=250721 (come si prende parte alle cariche pubbliche??)

http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=4441020#4441020 (Cariche Istituzionali)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=4777381#4777381 (1200 D x la lista del Consiglio??)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=5202639#5202639 (Incarichi politici)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=5265535#5265535 (come si diventa Giudice)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=5471932#5471932 (come si diventa Giudice)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=5776504#5776504 (come si prende parte alle cariche pubbliche?)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=4880403#4880403 (Dimissioni del principato)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=5127392#5127392 (Sono bloccato in una lista.)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=4749575#4749575 (Abbiamo il Re?)
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?p=6131662#6131662 (come fare Politica)


Ultima modifica di Admin il Sab Gen 28, 2012 2:40 pm, modificato 12 volte

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

CARICHE DEL CONSIGLIO DEL PRINCIPATO

Messaggio  Admin il Mer Nov 05, 2008 6:11 pm

Politica locale e la politica regionale

Ci sono due livelli nelle istituzioni del regno: il locale (municipi), e regionale (Ducato / Consiglio della Contea del Duca e / contea).
Invita tutti i giocatori di livello 1 e più regolarmente a votare per eleggere i loro rappresentanti a livello locale e regionale.


La politica del popolo

Il sindaco è eletto una volta al mese. Essa può essere circondato da membri del Consiglio nel loro modi, che hanno solo un potere consultivo, nessun potere decisionale.
Il sindaco gestisce le vendite e riacquisti la sua comune, la contabilità del Consiglio, e potrebbe aumentare le tasse. Si può quindi influenzare il corso dei prodotti, definire una particolare politica fiscale, o sovvenzionare alcuni produzioni. È possibile scegliere la forma di stock, ecc ...
Il sindaco ha la possibilità di vendere in fiera, in linea di principio, e inoltre ha fondi sufficienti per fare acquisti. E 'anche la interlocutore privilegiato del Commissario responsabile per il commercio ambulante e commercianti. E 'in questo senso responsabile per la politica di importazione e di esportazione del suo popolo.
E 'dato per il sindaco ha anche l'accesso alle statistiche del suo popolo, e quindi più in grado di consigliare loro, ad esempio per l'elezione di un campo.
Il sindaco, in quanto eletti, mi riferirà sulla sua politica. E 'disponibile per inviare messaggi a tutti i suoi cittadini raggruppati (una volta a settimana), o annunci del Consiglio. È inoltre necessario utilizzare questi strumenti per informare la popolazione, e per la ritrasmissione di informazioni da Ducato / Contea.
Il sindaco fissa il prezzo del locale taverna.
Secondo la legislazione vigente nel suo ducato, il sindaco può eventualmente prendere le ordinazioni città, che una volta convalidato dal duca / Conde valore del diritto nella sua città.
Infine, il sindaco, come "capo del popolo", svolge un ruolo anche l'animazione del popolo (sul mercato), e può parlare a circa i moderatori per pubblicare un moderato è sbagliato.


Le elezioni del Ducato (o Provincia)

Una volta ogni due mesi, i livelli 1 e voto alle elezioni del Ducato / Contea, per eleggere dodici persone, che costituiscono il Consiglio del Ducato / Contea. La votazione è proporzionale. Anche se la spada del nobile il loro voto è raddoppiato. Ogni candidato elenco lo mette in seno al Consiglio un numero di candidati eletti proporzionalmente tra le voci ottenuti.

Una volta scelti i dodici persone, che votare per uno o Duca Conte. Quando, relativa alla nomina del Duca / a Contea, che assegna posti a sedere alla sua convenienza per i vari consiglieri.


I vari consulenti ducato

Tra i dodici rappresentanti eletti del Consiglio, vi è l'obbligo di governatore, una danza, un commissario, un portavoce, di un giudice, un procuratore, un prefetto di marescialli, un commercialista (* e * Capitano). Le ultime posizioni sono le posizioni di base dei supplenti, ma il governatore può assegnare alcuni dei deputati un post o di una particolare missione (ad esempio Carica del Popolo, responsabile per gli affari esteri, responsabile per l'istituzione di un sistema giuridico , Ecc ...).


- Il Governatore, o Conde Duque

La Governatore / Duca / Conde è a capo del Regno / Lussemburgo / Contea. La sua voce rende autorità, e ha il potere di lanciare decreti, leggi, e più in generale di prendere qualsiasi decisione che sembra buona per il suo ducato. Egli presiede il Consiglio del Ducato / Contea, continua il lavoro dei suoi consulenti, e ha il potere di revoca. È inoltre responsabile delle relazioni con altre regioni.

- LO Sceriffo

LO Sceriffo è stata in linea di principio responsabile per la gestione delle finanze del Regno / provincia / Contea. Egli decide di imporre i comuni. LO Sceriffo è anche responsabile delle mine, il reclutamento degli animali che devono essere fornite agli agricoltori e se non c'è, il Commissario responsabile per le miniere, può anche gestire la manutenzione delle miniere.

- Il commissario delle miniere

Il Commissario delle miniere è responsabile per le azioni delle miniere. Si deve fare ogni giorno. È inoltre necessario riparare, se necessario. Anche fornire materiali utili per il lavoro della giornata.

- Il commissario per il Commercio

Il Commissario del Commercio (CoC) gestisce tutti i tipi di acquisto e la vendita del Ducato. Si tratta anche in super pulito ... in questo senso, esso lavora in armonia con i sindaci.
Puoi anche scegliere di concordare con le loro controparti di organizzare le importazioni e le esportazioni, anche se tali operazioni necessariamente passare da commercianti ambulanti, in quanto non vi è (ancora?) Di fiera internazionale.
Infine, e soprattutto, il considerevole peso economico del Ducato consente di influenzare il corso dei prodotti in un modo molto significativo, e ha la possibilità di istituire una vera e propria politica economica in tutta la regione.

- Il Constable

Il Constable è responsabile per il reclutamento di truppe del Ducato. Contratti a prezzo fisso e il numero di soldati, in base alle esigenze del maresciallo e il capitano.

- Il Capitano

Il capitano è il capo di eserciti. O che l'esercito non è ancora stato implementato. In attesa, non ha alcun ruolo speciale.


- Il Prefetto dei Marescialli

Il prefetto è responsabile per la sicurezza interna nel Ducato. Esso è ripartito dalle truppe assunti dai diversi popoli in Constable, al fine di prevenire ribellioni. Esso indica inoltre che tutte le violazioni della procura, eventualmente assistita dal Vice polizia.

- Il Procuratore

Il pubblico ministero ha avviato un procedimento giudiziario, spesso su richiesta del prefetto, e scrive le accuse.

- Giudice

Il giudice ha rilasciato la sua decisione in tutti i casi in tribunale, dopo aver sentito l'accusa della procura, difesa e testimoni. Il processo segue le leggi in vigore nel Ducato.

- Il Portavoce

Il presidente del Senato è responsabile per la comunicazione tra il Consiglio e il Ducato di popolazione. È possibile inviare un messaggio di lui collettivo aa tutti i sindaci della regione. E ha nominato due supplenti che hanno diritti dei moderatori su tutti i forum della regione.

- Il Consiglio a tutti i

Più in generale, il Consiglio affronta la politica in tutta la regione, e lavorare collettivamente su progetti di loro scelta. La decisione finale spetta al duca, ma è spesso un voto a decidere.


I vari gruppi e forze politiche

Corporazioni e le società non hanno alcun potere politico diretto. Essi hanno tuttavia un importante influenza da un lato i suoi membri, d'altro canto eletti i funzionari di diversi livelli.

Ordini religiosi o altri essenzialmente hanno un ruolo RP, ma sono spesso gruppi di influenza, e generalmente sono molto sentito dai leader.

I partiti politici sono gruppi di riflessione che si sviluppano idee politiche, e, inoltre, chiedono che vincere le elezioni, di essere in potenza e difendere le idee.

In parallelo, durante le elezioni Ducale, gruppi di circostanza sono creati per caricare le liste dei candidati. Questi gruppi lavorano insieme su un elezione, ma inevitabilmente non hanno vocazione a durare, e la riunione sono persone che hanno una stretta politica sensibilità, non dei partiti politici con una ideologia ha portato bene e forte coesione.


- Qual è la posta in gioco nelle elezioni Ducale

E 'importante votare, in quanto il Consiglio Ducale ha un importante potere, che si riflette nel lungo termine una partita sulla vita del Ducato. Per fare una sintesi delle diverse correnti di idee su vari temi:

- Giustizia: Siamo in grado di prevedere la creazione di un codice di leggi, o comunque molto leggeri. Nel primo caso, lo svantaggio è la pesantezza del testo. Il vantaggio è quello di fornire per un periodo massimo di possibili infrazioni, sanzioni e adattato. Nel secondo caso, il vantaggio è la semplicità, è scomodo non sono molti casi in mente, e il contenzioso casi non coperti dai testi vengono trattati allora "il giudice", che possono quindi ottenere una parziale decisioni.

- Economia: Per effettuare una diagrammi molto, ci sono tre grandi scuole di pensiero.
In primo luogo, l'economia deve essere completamente libere, le autorità (locali e Ducato) dovrebbe svolgere il suo ruolo più miniscule possibile.
In secondo luogo, i consigli locali o Ducato dovrebbe controllare il mercato da una rigorosa normativa in materia di truffe, super, speculazione, ecc ...
In terzo luogo, il mercato deve essere controllato, ma in modo più flessibile da parte del peso economico del Ducato.

- La politica estera: per rendere semplice, tre possibilità di entrare in conflitto, sviluppare accordi più o meno avanzato o ignorare il suo prossimo.

- Autonomia dei comuni: o: limitato l'autonomia dei comuni. Come esempi di misure che vanno in questa direzione, si può citare l'istituzione di un elevato SMI nel Ducato, la limitazione delle ordinanze comunali ...
Seconda possibilità: il Ducato stabilisce un quadro più flessibile che rende tali cure per i sindaci di fissare il salario minimo a livello locale, o prendere decreto comunale con una certa misura.

Essi sono attualmente i principali punti che vengono in mente.

Nei loro piani, i vari elenchi sono in genere più o meno opinioni diverse su questi temi. Per votare in un modo informato, è importante leggere i vari programmi, e seguire la posizione dei partecipanti alle discussioni.


Come a votare in pratica?

Per il Consiglio: la gente -> Palazzo Comunale, nella colonna di destra.
Per il Consiglio del Ducato: Ducato -> castello -> elezione del Ducato

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

LA GUIDA DELLO SCERIFFO

Messaggio  Admin il Mer Mar 25, 2009 11:40 pm



Ultima modifica di Admin il Ven Mag 15, 2009 2:57 pm, modificato 5 volte

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

Statistiche Finanziarie

Messaggio  Admin il Mer Mar 25, 2009 11:40 pm

* Cliccando su Statistiche Finanziarie vi apparirà una pagina in cui sono riassunti i dati relativi alla situazione finanziaria del Ducato e al flusso della tesoreria, con le entrate (tasse, vendite, vendite di animali e ricavi delle miniere d'oro) e le uscite (salari dei minatori, soldi dei mandati, spese militari). Tali voci sono ripetute per "Oggi", "Ieri", "Questa settimana" e "La settimana scorsa".






torna indietro


Ultima modifica di Admin il Gio Mar 26, 2009 12:20 am, modificato 2 volte

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

Gestione finanziaria delle miniere e delle cave

Messaggio  Admin il Mer Mar 25, 2009 11:41 pm

* Cliccando su Gestione finanziaria delle miniere e delle cave si accede a una pagina in cui è possibile modificare:
o il Salario Minimo Interprincipianti (SMI): è possibile agire sulla parte di SMI pagata il giorno successivo e sulla parte pagata a fine settimana.
o Il Salario dei minatori per ciascuna miniera
o La capacità di ciascuna miniera, ovvero quante persone possono lavorarci in un giorno

* Ciascuna casella può essere modificata solo una volta al giorno




torna indietro


Ultima modifica di Admin il Gio Mar 26, 2009 1:50 am, modificato 1 volta

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

Gestione degli animali

Messaggio  Admin il Mer Mar 25, 2009 11:42 pm

* Da Gestione degli animali è possibile creare gli animali che verranno poi acquistati dagli allevatori. Per creare gli animali lo Sceriffo utilizza il grano o il mais presente nell'inventario del Principato.
* Il costo in materie prime per ciascun animale è il seguente:

Mucca : 3 sacche di grano o 11.25 di mais.
Pecora : 2.33 sacche di Grano o 8.75 di mais.
Maiale : 1.67 sacche di Grano o 6.25 di mais.

* L'arrotondamento è sempre sfavorevole. Quindi è meglio produrre gli animali a gruppi di quattro nel caso in cui si usi il mais. Nel caso si usi il grano, la creazione di maiali è sfavorevole (se si producono 3 maiali si utilizzano 5,01 borse di grano, che vengono arrotondate per eccesso e quindi conteggiate come 6), la creazione di pecore è conveniente se fatta a gruppi di tre, mentre per le mucche non ci sono problemi



torna indietro


Ultima modifica di Admin il Gio Mar 26, 2009 1:52 am, modificato 2 volte

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

Gestione dei mandati

Messaggio  Admin il Mer Mar 25, 2009 11:42 pm

Da Gestione dei mandati è possibile creare nuovi mandati e controllare i mandati già chiusi e quelli ancora in corso.



Per creare un nuovo mandato, cliccare su Create un nuovo mandato e inserire, nella finestra che si apre, la cifra in ducati e una descrizione del mandato.



torna indietro


Ultima modifica di Admin il Gio Mar 26, 2009 2:00 am, modificato 2 volte

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

Gestione delle spese militari

Messaggio  Admin il Mer Mar 25, 2009 11:43 pm

* Da Gestione delle spese militari è possibile stanziare una cifra in ducati, che verranno utilizzati dal Capitano e dal Sergente per la creazione di un esercito.




torna indietro


Ultima modifica di Admin il Gio Mar 26, 2009 2:01 am, modificato 2 volte

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

Assunzione funzionari per i punti stato

Messaggio  Admin il Mer Mar 25, 2009 11:43 pm

Assunzione funzionari per i punti stato

Lo Sceriffo ha a disposizione un pannello per l'assunzione di alti-funzionari e l'espletamento delle funzioni dell'amministrazione dello stato. I punti stato, a differenza delle città, si possono accumulare, fino ad un massimo di 50. Per ogni tipo di punti lo sceriffo può scegliere il salario ed in quale città far apparire l'annuncio, solo per i punti istituzione possono essere messi due annunci invece che uno.

Lo sceriffo può anche comprare un punto stato, al prezzo di 500 ducati.


torna indietro


Ultima modifica di Admin il Gio Mar 26, 2009 2:02 am, modificato 1 volta

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

L'Ufficio dello Sceriffo

Messaggio  Admin il Gio Mar 26, 2009 12:16 am

Una volta nominati, per operare come Sceriffo bisogna andare nella schermata Principato>Castello>Il vostro ufficio di sceriffo. Cliccandoci sopra apparirà il seguente menu:






torna indietro

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

Re: Elezioni sindaco del Consiglio del Principato e usi e costumi varie da altri Principati

Messaggio  Admin il Mer Giu 10, 2009 11:56 pm







Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

Re: Elezioni sindaco del Consiglio del Principato e usi e costumi varie da altri Principati

Messaggio  Admin il Gio Giu 11, 2009 12:16 am


Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

i ruoli del Consiglio (Milano)

Messaggio  Admin il Sab Lug 25, 2009 7:27 pm

(Principe)

Il Principe è alla testa del Principato.
La sua voce è legge, ed ha il potere di varare dei decreti, delle leggi, più generale di prendere tutte le decisioni
che risultano adatte per il suo Principato.
Presiede il Consiglio del Principato, segue il lavoro dei consiglieri,
ed ha il potere di revocarli. Sostiene anche l’onere delle relazioni con le altre regioni.

ECONOMIA:

(Ministro del Commercio)

Il Ministro del Commercio (MdC) amministra tutti gli ordini di acquisto e vendita del Princiapto.
Si occupa anche di riassorbire le sovrapproduzioni, di approvvigionare i differenti Comuni, ecc…
In questo senso, lavora in armonia con i sindaci.
Può anche scegliere di mettersi d’accordo con i suoi omologhi per organizzare importazioni ed esportazioni,
anche se queste operazioni passano necessariamente per i mercanti ambulanti,
perché non esiste ancora una fiera inter-regionale.
Infine, e soprattutto, il peso economico considerabile del Principato gli permette di influenzare
il corso delle produzioni in maniera molto significativa,
ed ha la possibilità di mettere a posto una vera politica economica su scala regionale.

(Sceriffo)

Lo Sceriffo è all’inizio incaricato della gestione delle finanze del Princiapto.
È lui che decide di imporre le municipalità (amministrazione comunale).
Si occupa anche delle miniere, delle assunzioni, degli animali da fornire agli allevatori
e se non c’è il Ministro delle Miniere, può occuparsi anche della manutenzione delle miniere.

(Ministro delle Miniere)

Il Ministro delle Miniere (MdM) si occupa della manutenzione delle miniere. Deve farlo tutti i giorni.
Deve anche migliorarle se ce ne fosse bisogno.
Tocca sempre a lui di prevedere/contemplare di avere il materiale utile per la manutenzione giornaliera.

GIUSTIZIA:

(Giudice)

Il Giudice emette il suo giudizio in tutti gli affari giudiziari, dopo aver ascoltato le requisitorie dell’accusa,
la difesa ed i testimoni. La sentenza è conforme alle leggi in vigore all’interno del Principato.

(Pubblico ministero)

Ufficio del Pubblico Ministero -soltanto per riportare reati
Il Pubblico Ministero vara le procedure giudiziarie, sovente sotto richiesta del Prefetto,
e scrive le requisitorie dell’accusa.

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 1)

Messaggio  Admin il Sab Lug 25, 2009 7:38 pm

In data 7 luglio 1457 è stata modificata la Carta fondamentale della Repubblica Fiorentina. Posto la versione attualmente in vigore che sostituisce la precedente.

arta della Repubblica Fiorentina
CARTA DELLA REPUBBLICA FIORENTINA
PARTE PRIMA - DELLE ISTITUZIONI

Capitolo I - Principi fondamentali

- Che la Repubblica di Firenze riconosce l’autorità di Sua Maestà Imperiale LongJohnSilver, come legittimo imperatore del Sacro Romano Impero Germanico. A esso si presta giuramento di fedeltà e ci si impegna in solido a rispettarne la Corona e lo Stato.
Che la capitale della Repubblica Fiorentina è Firenze.
Che la lingua parlata è l’italiano.
Che le armi della Repubblica di Firenze sono: "Il giglio fiorentino partito di rosso e d'argento dell'uno nell'altro, sormontato dalla corona imperiale e retto da due unicorni, avvolto in manto di ermellino, sormontato a sua volta della corona imperiale" (Sentire la consulta araldica se la definizione è accettabile). Il partito di rosso e d'argento indica il primo nucleo del territorio fiorentino e cioè Firenze che si unisce con Fiesole. Il giglio d'argento in campo rosso riproduce l'insegna ghibellina, quello rosso in campo d'argento l'insegna guelfa, la loro unione è pertanto simbolo di amicizia fraterna tra le due fazioni. Gli unicorni sono simbolo di virtù e forza.
Che il motto della Repubblica fiorentina è "Nunquam retrorsum".
Che la religione è la religione ufficiale aristotelica, ma sono tollerate altre religioni come disciplinato dalla Carta di San Miniato.

- Che la sovranità regionale appartiene al popolo della Repubblica di Firenze che la esercita attraverso i suoi rappresentanti e per mezzo di suffragio.
Che nessuna parte del popolo fiorentino né alcun individuo possono attribuirsene l'esercizio.
Che il suffragio è universale, diretto, uguale e segreto.
Che sono elettori tutti i cittadini di ambo i sessi residenti nella Repubblica di Firenze, ed eleggibili tutti i cittadini residenti nella Repubblica di Firenze che manterranno la residenza per il tempo del loro mandato (2 mesi) e, che soddisfino i requisiti richiesti dalla legge.
Che la sovranità della Repubblica di Firenze è limitata:
- Alle municipalità di Arezzo, Livorno, Montepulciano, Montevarchi, Piombino, Pisa, Pistoia, San Miniato e Volterra e alla sua Capitale, FIRENZE:
- Alla definizione delle frontiere stabilite nei trattati di riconoscimento reciproco tra la Repubblica di Firenze e le province limitrofe;
- Ai feudi riconosciuti dal Collegio d'Araldica.
Che ogni municipalità, ogni miniera, ogni foresta, ogni frutteto, ogni lago e qualsiasi strada nel territorio sopra definito, appartiene di diritto alla Repubblica Fiorentina e, in nessun caso può essere oggetto di rivendicazioni de jure o de facto da parte di potenze straniere.
Che nessuno può alienare i profitti in forma individuale o collettiva, in toto o in parte derivanti dai territori sopra circoscritti.

- Che i partiti e i raggruppamenti politici coinvolti nell'esercizio del suffragio si formano ed hanno diritto ad esercitare liberamente la loro attività. Essi devono rispettare i principi fondamentali della Repubblica di Firenze e le sue leggi.
Che ogni proprietario (di campo o bottega) della Repubblica ha il diritto di creare una lista elettorale.

- Che la Repubblica di Firenze, al fine di disporre di un fondo di prestito di denaro ai residenti della Repubblica Fiorentina, si dota della Banca Repubblicana di Firenze.
Tale istituzione è regolata da separata legge cui si rimanda per ulteriori dettagli.


Ultima modifica di Admin il Sab Lug 25, 2009 8:28 pm, modificato 3 volte

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 2)

Messaggio  Admin il Sab Lug 25, 2009 7:39 pm

Capitolo II - Del Consiglio

Capo I - La composizione del consiglio, incarichi e responsabilità dei consiglieri

- Che il Consiglio della Repubblica Fiorentina è composto da dodici (12) consiglieri eletti ogni due mesi a suffragio universale diretto con metodo proporzionale secondo D'hondt. La nobiltà ha diritto di voto doppio.
Che il periodo pre-elettorale si apre un mese prima della scadenza dei poteri del Consiglio in carico e, il periodo elettorale una settimana prima di detto termine.
Che qualsiasi mandato di consigliere è incompatibile con qualsiasi altra carica elettiva (Sindaco, Consigliere della Repubblica), o assegnata per nomina (Tribuno, Viceprefetto, Ambasciatore, Maresciallo, Rettore). Chi si trovi in una posizione di conflitto ha tempo 48 ore dalla notifica ufficiale per scegliere a quale compito rinunciare: in caso di mancata scelta entro il periodo previsto verrà sollevato dall’incarico avuto per nomina, mantenendo l’elettivo. Ogni eccezione, sospensione e cumulo tra cariche, sarà consentita a tempo determinato, previa autorizzazione del Consiglio a maggioranza di 7 Consiglieri, indicandone la durata. Che il Consiglio ha autonomia impositiva sulle leggi.

- Che i consiglieri devono giurare fedeltà al Signore di Firenze e, servire gli interessi della Repubblica Fiorentina nel corso del loro mandato.
-Che i consiglieri hanno il dovere di riservatezza rispetto ai seguenti dati:
Consistenza, armamento e dislocazione dei reggimenti, gruppi armati ed eserciti della Repubblica, nonche' rispetto alla logistica dell'esercito.
Situazione di cassa relativa alla settimana corrente e la precedente.
Produttività delle miniere.
Che ogni consigliere ha il diritto di proporre una legge o decreto che ritenga utile per la Repubblica, che deve essere discusso ed infine votato.
Che i consiglieri non possono denunciarsi a vicenda e le loro questioni devono essere risolte all’interno del Consiglio, da un collegio formato dal Signore, che decide ed un rappresentante per ogni consigliere implicato. Il collegio decide a maggioranza e non può imporre altre sanzioni che le scuse (salvo si tratti di fatti di sangue). Resta salva la possibilità di promuovere un Duello, con il consenso delle parti coinvolte.
Che dieci consiglieri hanno una funzione definita da un'ordinanza reale:
- sette (7) relativamente al potere esecutivo: il Signore, lo Sceriffo, il Ministro delle Miniere (MdM), il Ministro del Commercio (MdC), il Sergente, il Capitano e il Portavoce;
- tre (3) relativamente al potere giudiziario: il Prefetto, il Pubblico Ministero (PM) e il Giudice.
Che un (1) consigliere nominato con decreto dal Signore della Repubblica di Firenze è il Gran Ciambellano.
Che un consigliere senza ministero può ricevere per decreto un incarico rilevante in seno al potere esecutivo o giudiziario.

- Che il Signore di Firenze è eletto dai membri del Consiglio a maggioranza assoluta entro due giorni dopo dai risultati delle elezioni. Se questa maggioranza non viene raggiunta, si procede a nuove elezioni diminuendo ogni volta di una unità il quorum. Ovvero sarà richiesta una maggioranza di 6 consiglieri nella seconda votazione, di 5 nella terza e così via.
Che il Signore di Firenze è capo del Consiglio e Comandante in Capo delle Forze Armate della Repubblica.
Che il Signore nomina 10 consiglieri di sua scelta a capo dei ministeri sopra descritti, potendoli anche revocare e sostituire in numero non maggiore di 2 al giorno, dando comunicazione al popolo delle sue scelte, avendo cura di tenere in considerazione le indicazioni popolari nell’attribuire i vari ruoli e le disponibilità e preferenze dei consiglieri stessi. In particolare cercherà di evitare, di assegnare a membri della stessa fazione i ruoli di Giudice-Pubblico Ministero e Sceriffo-Ministro del Commercio.
Che il Signore dirige la politica del Consiglio: è obbligato a porre in votazione le leggi su richiesta di almeno 4 consiglieri e ad ordinarne la pubblicazione alla cittadinanza una volta approvate con maggioranza di 7 consiglieri (pari al 50% +1).
Che il Signore può applicare sanzioni disciplinari ai Consiglieri che disturbino il regolare svolgimenti dell'attività consiliare. Le sanzioni che potrà applicare con estrema parsimonia sono:
- Sospensione del diritto di voto da 1 a 3 giorni;
- Espulsione dal Consiglio da 1 a 3 giorni.

- Che lo Sceriffo è responsabile delle finanze della Repubblica, ove ritenuto necessario stabilisce l'importo delle tasse da imporre ai Municipi della Repubblica dopo l'approvazione del Consiglio, prepara gli animali da fornire agli allevatori, stabilisce e limita il numero dei minatori da impiegare nelle miniere, determina e fissa il salario dei minatori e quello minimo per la Repubblica previa approvazione del Consiglio, infine in caso di assenza del Ministro delle Miniere è autorizzato ad occuparsi delle manutenzione e delle eventuali migliorie delle miniere. In accordo con il Ministro delle Miniere stabilisce il livello ottimale sia in termini di livello che di occupazione delle miniere. Lo Sceriffo è responsabile del regolare funzionamento dell'amministrazione, e deve garantirla ogni giorno attraverso l'assunzione di alti funzionari.

- Che il Ministro del Commercio è responsabile della fiera repubblicana amministrandone gli ordini di acquisto e vendita e coordinandosi con i Sindaci, è responsabile della circolazione dei beni intra ed extra repubblicani (importazioni ed esportazioni), fissando prezzi è quantità delle merci da scambiare. Per la determinazione dei prezzi si coordina con lo Sceriffo.

- Che il Ministro delle Miniere è responsabile delle miniere della Repubblica. E' responsabile della loro manutenzione, del loro funzionamento e della loro sicurezza. In accordo con lo Sceriffo stabilisce lo sfruttamento ottimale delle risorse minerarie, sia in termini di livello che di occupazione delle miniere stesse.

- Che il Sergente nomina e destituisce gli impiegati di ufficio e gli agenti della milizia nella Repubblica. Inoltre partecipa ed è responsabile del buon funzionamento delle Forze Armate della Repubblica come disciplinato dalla Carta dell'Esercito.

- Che il Capitano dirige le Forze Armate della Repubblica e ne è responsabile per la distribuzione degli effettivi sul territorio repubblicano in accordo alla Carta dell'Esercito.

- Che il Portavoce rende conto pubblicamente delle attività del Consiglio, può nominare degli aiutanti al fine di farsi assistere.

- Che il Prefetto dirige la milizia repubblicana ed è responsabile della ripartizione dei suoi effettivi sul territorio repubblicano. Segnala tutte le infrazioni al Pubblico Ministero, inoltre è responsabile del reclutamento, del coordinamento e della disciplina dei Vice Prefetti che hanno il compito di forze di polizia cittadina. Il numero dei Vice prefetti è stabilito in due per ciascuna città della Repubblica.

- Che il Pubblico Ministero è responsabile delle indagini giudiziarie e rappresenta la Repubblica nei processi. Egli apre motu proprio o su segnalazione del Prefetto o dei suoi vice o di qualsiasi cittadino della Repubblica le procedura giudiziarie. Scrive le requisitorie di accusa, convoca i testimoni e consiglia i Sindaci che richiedano assistenza per la promozione di un processo.

- Che il Giudice è il solo rappresentante abilitato ad applicare la giustizia in applicazione delle leggi repubblicane e della Carta dei Giudici imperiale. La sentenza viene emessa dopo che sono state ascoltate l'accusa, la difesa e gli eventuali testimoni. Non può costituirsi come parte in un qualsiasi caso giudiziario, nel caso in cui ciò fosse inevitabile, il Signore ha la facoltà di sostituirlo nelle sue funzioni.

- Che il Gran Ciambellano, è responsabile delle relazioni estere della Repubblica: cura i trattati e gli accordi con le Terre straniere, comanda e nomina gli ambasciatori.

- Che ogni ministro o ufficiale repubblicano ha il dovere di coordinarsi con gli altri nell'interesse della Repubblica.

-I Consiglieri che ricoprono le cariche economiche devono obbligatoriamente presentare la documentazione pertinente ai loro incarichi nei rispettivi uffici, e se impossibilitati a farlo devono precisarne in Consiglio i motivi. Sarà il Signore a decidere se tale mancanza è si o no giustificabile. In caso negativo, verrà istituito il processo.
Imputazione = Negligenza / Disturbo all'ordine pubblico.
Sanzione: multa fino a 50 ducati per ciascun giorno per il quale manca la documentazione.
Lo Sceriffo quotidianamente presenta in Tesoreria della Repubblica i dati della Tesoreria nel dettaglio, comprensivi di saldo giornaliero, saldo del giorno precedente, bilancio settimanale provvisorio e bilancio settimanale, spese sostenute per l'assunzione dei pubblici funzionari, con indicazione del numero e tipo di punti stato acquisiti in corrispondenza di ciascuna assunzione, e da notizia dei punti stato a disposizione della Repubblica e dei mandati aperti; inoltre riporta in Screen dei Municipi la documentazione sui dati economici dei Municipi.
Il Ministro del Commercio riporta quotidiamente in Cassa e Inventario/Situazione i dati della Tesoreria, dei mandati aperti, dei punti disponibili nel ramo del commercio e delle merci presenti in inventario; rende note le transazioni importanti e i prezzi delle merci in Cassa e Inventario/Commenti; coadiuva lo Sceriffo nel riportare i dati economici dei Municipi.
Il Ministro delle Miniere deve documentare quotidianamente in Miniere/Situazione lo stato, il livello e l'affluenza delle miniere, riportando i dati dopo aver effettuato la manutenzione, e in Miniere/Commenti le spese sostenute per la manutenzione e il ricavo giornaliero.

- Che le votazioni di norma hanno una durata di 48 ore dalla loro presentazione, fatti salvi casi di necessaria contingenza in cui si può ridurre tale intervallo a 24 ore. Laddove un consigliere fosse impedito al voto, il suo voto verrà espunto dal quorum necessario per l'approvazione.
Che il quorum necessario per l'approvazione delle Leggi della Repubblica è fissato nel 50% + 1 dei consiglieri votanti.
Che il Signore vota per ultimo e ratifica le leggi approvate, in caso di parità il suo voto vale doppio.
Che il Signore può apporre il veto su una legge, rendendo pubbliche le sue motivazioni all’intera Repubblica, per mezzo del Portavoce. Una maggioranza di 9 consiglieri può superare il veto del Signore.
Che il Signore può emanare decreti d’urgenza che saranno comunicati alla Repubblica a mezzo del Portavoce e pubblicati nei modi ordinari. I decreti d’urgenza dovranno poi essere portati in Consiglio per l’ordinario iter legislativo, entro 48 ore dall’emanazione.


Ultima modifica di Admin il Sab Lug 25, 2009 8:29 pm, modificato 2 volte

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 3)

Messaggio  Admin il Sab Lug 25, 2009 7:43 pm

Capo II - Della revoca, destituzione e dimissioni dal Consiglio della Repubblica

- Che il Signore può essere sfiduciato dal Consiglio per mozione popolare, come disciplinata in seguito e, successivamente approvata dalla maggioranza assoluta dei Consiglieri votanti, con voto palese dalla durata di 48 ore. Che il Signore può essere sfiduciato dal Consiglio qualora commetta atti contrari alla presente Carta o al diritto consuetudinario. Detta mozione si considera approvata se sostenuta da una maggioranza qualificata (2/3 dei votanti arrotondata per eccesso) entro 48 ore dalla sua presentazione.
Che l'esito di tale votazioni dovrà essere reso noto alla cittadinanza.
Che l'approvazione della mozione di sfiducia, comporterà la richiesta di dimissioni immediate per il Signore.
Che i motivi della richiesta di sfiducia nei confronti del Signore sono attribuibili a:
- Aver commesso atti contrari alla presente Carta, al diritto consuetudinario;
- Aver mancato di fedeltà a Sua Maestà Imperiale o aver tradito gli interessi della Repubblica;
- Sistematico ostacolo al buon funzionamento del Consiglio.

- Che il Signore può procedere con estrema parsimonia a degli aggiustamenti in seno al Consiglio, senza tuttavia poter destituire arbitrariamente i Consiglieri.
Il Signore nomina i Consiglieri nei vari incarichi adducendo uno o più tra i seguenti motivi:
- Capacità o esperienza in un determinato incarico;
- Preferenza espressa dal consigliere stesso;
- Nomina ad interim per un'assenza imprevista o meno per una durata non superiore a sette giorni.
Il Signore destituisce i Consiglieri nei vari incarichi adducendo uno o più tra i seguenti motivi:
- Incompetenza di un consigliere alla carica cui era stato nominato;
- Richiesta esplicita del Consigliere;
- Assenza imprevista o meno per una durata superiore a sette giorni.

- Che il Signore può iniziare una procedura di sfiducia nei confronti di un consigliere, adducendo i seguenti motivi:
- Aver commesso atti contrari alla presente Carta, al diritto consuetudinario;
- Aver mancato di fedeltà a Sua Maestà Imperiale o aver tradito gli interessi della Repubblica;
- Sistematico ostacolo al buon funzionamento del Consiglio;
- Inattività nello svolgimento della carica a cui era stato designato.
Che detta mozione si considera approvata se sostenuta da una maggioranza qualificata (2/3 dei votanti arrotondata per eccesso) entro 48 ore dalla sua presentazione.
Che l'approvazione della mozione di sfiducia, comporterà la richiesta di dimissioni immediate per il Consigliere.

- Che ogni Consigliere ha il diritto di dimettersi di sua spontanea volontà dal Consiglio della Repubblica, invocando una delle ragioni seguenti:
- Assenza, incidente, malattia o qualsiasi altra ragione che renda indisponibile il consigliere per il resto del suo mandato;
- Disaccordo con la politica perseguita dal Consiglio.
Che tutti i consiglieri che vogliano rassegnare le proprie dimissioni, debbano notificare per iscritto al Signore le loro intenzioni, almeno due giorni prima, in modo che il Consiglio possa organizzarsi.
Che il Signore non può rifiutare le dimissioni di un Consigliere e deve provvedere all'immediata sostituzione del dimissionario, nominando al suo posto il primo dei non eletti della lista cui apparteneva il dimissionario.


Ultima modifica di Admin il Sab Lug 25, 2009 8:30 pm, modificato 2 volte

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 4)

Messaggio  Admin il Sab Lug 25, 2009 7:45 pm

Capitolo III – Dei Municipi

- Che i municipi costituiscono la prima unità politica della Repubblica; ogni cittadino della Repubblica è altresì cittadino del municipio in cui risiede.
Che ogni città è governata da un sindaco eletto, a suffragio universale diretto, a maggioranza semplice dai cittadini della municipalità; il voto dei nobili vale doppio. Qualora nessun candidato a Sindaco ottenesse la maggioranza semplice, si procederà al ballottaggio tra i due candidati che hanno riportato il più alto numero di voti al primo turno.
Che il sindaco ha la responsabilità della gestione e dello sviluppo sociale ed economico della città; assicura l’applicazione delle norme emanate dalla Repubblica; ha il potere di emanare ordinanze cittadine in accordo alle norme Repubblicane sovra ordinate; può aprire processi in nome della città; può imporre tasse ed imposte sulle proprietà terriere e le botteghe esistenti in città; ogni imposta non potrà essere rinnovata prima di 15 giorni e dovrà essere pagata entro i successivi 7 giorni dall’imposizione; in nessun modo il prelievo potrà avere carattere confiscatorio.
Che qualora il sindaco rassegni le proprie dimissioni o sia impossibilitato ad amministrare la città per un periodo superiore ai 3 giorni, il Consiglio della Repubblica può provvedere alla sua sostituzione, anche autorizzando una rivolta se necessario. Il sindaco così sostituito avrà gli stessi diritti ed obblighi e dovrà portare con pienezza di poteri la città fino alle successive elezioni, che saranno celebrate trascorsi 7 giorni dalla successione.
- Che ogni sindaco ha l'obbligo di comunicare allo Sceriffo, ove lo richieda, i dati economici riguardanti il municipio (es.: inventario, mandati, taverna, acquisti e vendite, cassa), a mezzo copia autentica (screen).
Che lLa mancata collaborazione da parte di un sindaco può portare all’esclusione per un tempo determinato (da 1 a 3 giorni) dalla Camera dei Sindaci. Alla seconda segnalazione di inadempienza postata in Camera dei Sindaci, il Sindaco è passibile di incriminazione per abuso di potere.
- Che il Sindaco ha la facolta’ di postare liberamente I dati Municipali nell’ambito del Forum chiuso del Consiglio Cittadino.
I Consiglieri Municipali si impegnano a rispettare la segretezza dei dati di bilancii ivi pubblicati, pena l'accusa di tradimento.


Ultima modifica di Admin il Sab Lug 25, 2009 8:30 pm, modificato 1 volta

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 5)

Messaggio  Admin il Sab Lug 25, 2009 7:57 pm

CCapitolo IV - Della Legge

- Che ogni cittadino della Repubblica e ogni straniero che si trovi sul suo territorio, è soggetto allo Statuto, alle leggi, ai decreti e alle altre norme legittimamente emanate.
- Che ogni persona accusata di un delitto, sarà considerata innocente fino ala pubblicazione della sentenza.
- Che tutti i processi saranno pubblici e seguiranno i seguenti principi:
il processo inizia al momento dell’imputazione, cioè con la trasmissione ufficiale del caso al Giudice;
l’imputato ha diritto di conoscere le prove a carico;
accusa e difesa hanno diritto a chiamare massimo 2 testimoni a testa;
l’accusa ha l’onere di dimostrare la colpevolezza dell’imputato;
la sentenza sarà immediatamente esecutiva;
è ammesso appello alla Corte Suprema Imperiale, ferma restando l'esecutività della Sentenza.
- Che il Giudice considererà vari tipi di prove, il valore probatorio è man mano decrescente, sempre nel rispetto del suo libero apprezzamento:
Prova documentale (lettere manoscritte, contratti, ecc.);
Confessione;
Testimonianze di coloro che hanno assistito ai fatti.

- Che la legge assume le differenti forme seguenti:
- La Legge fondamentale costituita dagli articoli della presente Carta;
- I Decreti, che hanno forza di legge a titolo temporaneo, emessi dal Signore;
- Le Leggi emanate dall'iniziativa popolare o dal Consiglio, approvate dal Consiglio, i cui articoli formano il diritto consuetudinario;
- Le Ordinanze municipali, rilasciate dal Sindaco, che hanno forza di legge dopo l'approvazione del Consiglio.
Che tali norme sono gerarchiche. Pertanto a titolo di esempio una Legge ordinaria non può costringere o contraddire la Legge fondamentale.

- Che i Decreti della Repubblica, sono atti di imperio del Signore, promulgati previo parere non vincolante dei Consiglieri.
- Che i Decreti debbono riportare il Nome del Signore che li promulga
- Che i Decreti modificanti leggi Repubblicane rimangono in vigore fino allo scadere del mandato del Signore che li ha emanati e decadono con l'elezione del nuovo Signore.
Che i Decreti legiferanti su eventi non previsti nelle leggi vigenti, restano in vigore fino a successiva sostituzione o abrogazione, a prescindere dal cambio di Signore.

- Che la Legge debba essere approvata dal Consiglio. La Legge stabilisce norme in materia di:
- Diritti del cittadino e del lavoro:
- Cittadinanza Fiorentina;
- La determinazione dei reati e il sistema penale e giudiziario;
- Il tasso, e le modalità di riscossione delle imposte repubblicane;
- Le finanze, le risorse e le spese della Repubblica di Firenze;
- L'organizzazione generale della difesa della Repubblica;
- La diplomazia e i rapporti con gli Stati Esteri.

- Che le procedure per la preparazione di un disegno di legge sono le seguenti:
1. I cittadini della Repubblica di Firenze hanno il diritto di emettere proposte legislative chiaramente formulate in Taverna della Repubblica, secondo quanto stabilito dalla Legge sull'iniziativa popolare;
2. I membri del consiglio hanno il diritto di emettere proposte legislative;
3. I progetti di leggi sono formulati o riformulati e quindi sottoposti all'esame e deliberazione del Consiglio che è il solo a detenere il diritto di emendamento;
4. I progetti di legge emendati saranno considerati dai membri del Consiglio;
5. I membri del Consiglio elaborano dei testi di legge leggibili e coerenti sia in forma che in sostanza;
6. Le leggi sono soggette all'approvazione del Signore che fissa i due (2) giorni di voto. Nei suddetti due giorni, i Consiglieri esprimono il loro parere tramite sondaggio al castello e/o in Consiglio. Le leggi sono considerate approvate se la maggioranza semplice dei votanti (50% +1) ha espresso parere favorevole. Il Signore vota per ultimo e in caso di parità il suo voto sarà determinante.
7. L'insieme delle leggi approvate dal Consiglio costituisce il compendio delle disposizioni legislative chiamato comunemente diritto consuetudinario della Repubblica di Firenze.

- Che il Consiglio dispone di un termine di una settimana dal momento della presentazione di un progetto di legge, per esaminarlo, discuterlo, emendarlo e porlo in votazione.

- I Cittadini della Repubblica fiorentina hanno facoltà e diritto di proporre all’attenzione del consiglio una bozza di legge o decreto.
Che la suddetta proposta, debba essere o redatta in articoli, oppure essere discussa in un apposito topic all’interno della Taverna della Repubblica Fiorentina con termine di tempo massimo di 48 ore dall'apertura del topic; in ogni caso allo scadere delle 48 ore, il proponente dovrà redigere la bozza in articoli.
Che nelle successive 48 ore, il proponente dovrà raccogliere in separato thread e senza commenti almeno 40 firme di semplici cittadini o 7 firme di sindaci della Repubblica. Nessun membro del Consiglio della Repubblica potrà apporre la propria firma.
Che ogni cittadino interessato alla proposta dovrà firmare personalmente nel thread di raccolta firme esibendo il nome IG accanto alla firma.
Che non è permesso presentare altre iniziative popolari fino al termine della raccolta firme precedentemente iniziata.
Che un delegato del Consiglio, normalmente il Portavoce, avrà l’incarico di controllare la validità delle firme apposte e l’appartenenza dei firmatari alla Repubblica Fiorentina. Il proponente dovrà rimanere a disposizione del delegato del consiglio della Repubblica fiorentina per eventuali chiarimenti.
Che nel caso in cui la proposta ottenga l’approvazione del Consiglio si procederà a tramutarla in legge o decreto della Repubblica fiorentina.

- Che Ogni Sindaco può legittimamente proporre, attraverso la Camera dei Sindaci, qualsiasi ordinanza che non modifichi le leggi della repubblica o che non vada contro le leggi della repubblica, per il benessere della città da lui amministrata.
Che il Consiglio esaminerà senza indugio la proposta di Ordinanza. Se ed entro e non oltre le 48 ore dalla segnalazione in Camera dei Sindaci, il Consiglio non avrà apposto il proprio Veto (da votarsi a maggioranza di 7 Consiglieri, sempre motivato con ragioni di carattere economico, sociale e politico che coinvolgano o turbino gli equilibri della Repubblica o per contrasto con altre leggi e/o decreti).
Che se l'ordinanza viene giudicata positivamente dal Consiglio o non interviene comunicazione contraria entro il termine, essa viene pubblicata, a cura del portavoce in Taverna della Repubblica, a cura del Sindaco in Taverna municipale , al Municipio (IG) e in apposito messaggio del Sindaco.
Che il Sindaco ha il potere di introdurre un calmiere sui prezzi di alcuni beni attraverso un’Ordinanza Municipale: il Calmiere potrà essere adottato solo per un tempo determinato, salvo rinnovo con successiva ordinanza. Il prezzo non potrà essere superiore a quello dello stesso bene stabilito dal Consiglio della Repubblica con il proprio Calmiere.
Che l’ordinanza entrerà in vigore il giorno successivo alla pubblicazione (si rammenta che il giorno inizia alle ore 5 anti meridiane e, decadrà con lo scadere naturale del mandato del Sindaco che l’ha proposta, salvo rinnovo con successiva ordinanza. Questo significa che se un Sindaco viene rieletto, deve riproporre le Ordinanze e calmieri del suo precedente mandato.
Che l’ordinanza ha valore vincolante sul territorio comunale e la violazione sarà perseguita dal municipio in caso di mancato rispetto.
Che il sindaco può anche, avvalendosi dei Viceprefetti, giungere ad un accordo privato con l'inadempiente, prima di procedere per le vie legali.
Che cinque (5) cittadini, entro 48 ore dalla pubblicazione dell’Ordinanza hanno diritto di farla revisionare al Consiglio, ove ritengano che sia contraria a norme di rango superiore o contraria all’interesse cittadino. A tal fine devono contattare un Consigliere che condivida le loro argomentazioni, il quale porterà le loro istanze in Consiglio; quest’ultimo risponderà nelle successive 48 ore tramite lo stesso Consigliere.

- Che il portavoce o in sua assenza il Signore o la persona che quest'ultimo avrà incaricato , dispone di un giorno di tempo per rendere pubblico il testo della legge o decreto adottata dal Consiglio.
Che ogni legge e/o decreto legalmente approvato potrà esser consultato dai cittadini della Repubblica al Castello e in Taverna della Repubblica; le ordinanze cittadine dovranno essere affisse in Municipio, nella taverna Comunale e in copia in Taverna Repubblicana.
- Che la presente Carta può essere riveduta su proposta di un consigliere. La procedura per l'emendamento della Parte Prima - Delle Istituzioni è lo stesso che per l'adozione di una legge ordinaria, ad eccezione del fatto che essa deve essere approvata con maggioranza qualificata (2/3 dei votanti) per essere emendata.


Ultima modifica di Admin il Sab Lug 25, 2009 8:31 pm, modificato 1 volta

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 6)

Messaggio  Admin il Sab Lug 25, 2009 7:58 pm

PARTE SECONDA - DEL POPOLO

Capitolo I - Dei diritti del Popolo

Capo I - Dei diritti del reo.

- Che tutti i cittadini della Repubblica di Firenze, o stranieri presenti sul territorio repubblicano, hanno diritto ad un equo ed imparziale trattamento di fronte, e sotto la protezione delle leggi. Ogni cittadino dovrà esser trattato con dignità e rispetto, indipendentemente dal ceto o livello.
- Che ogni cittadino o non cittadino ha diritto ad un regolare processo, nelle forme legali prima dell’imposizione di qualsiasi sanzione imposta per una violazione di legge.
- Che ogni cittadino ha diritto all’assistenza legale, propria o del Difensore del Popolo in caso ne faccia richiesta. Il Difensore del Popolo, nominato dal Signore tra i Consiglieri, per tutta la durata del mandato consiliare, con preferenza per chi non ha incarichi governativi, avrà il compito di tutelare l’imputato di fronte al Tribunale.
- Che ogni cittadino imputato, che intenda invocare tale diritto, dovrà informare il Tribunale nel primo scritto difensivo se intenda: a) difendersi da solo b) nominare un legale di sua scelta c) avvalersi del Difensore del Popolo.
- Che ogni cittadino sotto processo ha diritto a dichiararsi Colpevole nel primo scritto difensivo. In tal caso, la pena sarà ridotta di almeno 1/3 o più a discrezione del Giudice. Ove l’imputato sia processato per più capi d’accusa in relazione ad un medesimo fatto, dovrà, per beneficiare dello sconto di pena, dichiararsi colpevole per la totalità dei capi di imputazione.

- Che ogni cittadino condannato dal Tribunale della Repubblica, ha diritto di proporre appello contro la sentenza alla Corte Suprema Imperiale. Tale diritto spetta ad ogni parte processuale.

- Che ogni cittadino condannato per qualsiasi crimine, con esclusione del tradimento e alto tradimento, ha diritto di interpello al Signore di Firenze.
- Che Il portavoce avrà il compito di raccogliere le richieste di grazia, che dovranno essere motivate da parte del richiedente o suo procuratore.
- Che Il Signore ha diritto insindacabile di concedere un solo provvedimento di clemenza per Consiliatura.


Ultima modifica di Admin il Sab Lug 25, 2009 8:33 pm, modificato 1 volta

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 7)

Messaggio  Admin il Sab Lug 25, 2009 7:59 pm

Capo II - Dei diritti delle vittime

- Che ogni cittadino vittima di un crimine, ha diritto di ricevere il risarcimento dei danni e dell’offesa patita.

Capitolo II - Del Matrimonio

Capo I - Dell'istituzione matrimoniale e i diritti degli sposi:

- Che i cittadini della Repubblica hanno diritto di unirsi sotto vincolo del matrimonio, secondo il rito Concordatario. Ai matrimoni celebrati secondo canoni della Chiesa Aristotelica, verrà riconosciuto pieno valore civile.
Ove i nubendi professino fedi diverse, potranno coniugarsi a mezzo di cerimonia officiata dal Giudice della Repubblica. Gli effetti civili saranno gli stessi. Per addivenire ad un matrimonio, occorre che i nubendi ne diano avviso almeno 7 giorni prima in Taverna repubblicana.
Che i doni fatti “in vista del matrimonio”, e le regalie familiare ai futuri sposi, la dote, in caso di mancate nozze, dovranno esser restituiti se avvenuti dopo il fidanzamento ufficiale e lo scambio delle promesse.
Che il Portavoce terrà un registro dei matrimoni, con annotato il rito di celebrazione. A tal fine un ecclesiastico indicato dalla Chiesa comunicherà al Portavoce i nomi dei coniugi sposati secondo il canone aristotelico
Che dal matrimonio deriva l'obbligo reciproco alla fedeltà, alla coabitazione, all'assistenza materiale e alla collaborazione reciproca. La moglie aggiungerà al proprio il cognome del marito.

Capo II - Dell'inadempimento coniugale
Che in caso di inadempimento dei doveri preconiugali e coniugali, l’altro coniuge potrà ricorrere al Giudice (DISTURBO ALL’ORDINE PUBBLICO) che potrà “invitare” l’altro coniuge ad adempiere ai suoi doveri entro un tempo determinato. Ove il coniuge inadempiente non si conformi, potrà essere processato per Oltraggio alla Corte.
Che gli sposi godranno delle seguenti facoltà: i coniugi vivranno in regime di comunione dei beni, potranno scambiarsi beni liberamente anche in deroga alle leggi regolanti il mercato e le relative ordinanze. I creditori di un coniuge potranno rivalersi sui beni dell’altro, salvo in caso di commissione di reato. I Debitori di uno dei coniugi sarà debitore anche verso l’altro.


Ultima modifica di Admin il Sab Lug 25, 2009 8:33 pm, modificato 1 volta

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 8)

Messaggio  Admin il Sab Lug 25, 2009 8:00 pm

Capitolo III - Dei Contratti

- Che i cittadini della Repubblica hanno diritto di accordarsi tra loro allo scopo di scambiarsi merci e/o denaro, attuare compravendite, effettuare prestiti ecc. a mezzo contratti privati o contratti registrati, entrambi riconosciuti dalla Repubblica.
Che il Contratto è rappresentato dallo screen dei messaggi IG scambiati dai contraenti. Esso deve riportare i nominativi dei contraenti, la quantità ed il prezzo della merce scambiata.
Che ognuna delle parti contraenti può denunciare l'altra parte in caso di inadempimento (reato ipotizzato: FRODE - Inadempimento contrattuale).


Ultima modifica di Admin il Sab Lug 25, 2009 8:34 pm, modificato 1 volta

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 9)

Messaggio  Admin il Sab Lug 25, 2009 8:01 pm

Capitolo VI - Dei duelli

Capo I - Delle circostanze di dichiarazione del duello

- Che ogni citttadino della repubblica Fiorentina, in caso di offese gravissime e/o atti criminali subiti, puo' sfidare a duello all'ultimo sangue colui che ha causato l'offesa.
Che il duello si svolgera' su un nodo in modalita' Gruppo Armato. Il numero dei partecipanti sara' fissato in massimo di 5 per parte e gli unici ad essere noti saranno gli sfidanti.
Che l'offeso dovra' sfidare in duello tramite apposita bacheca (O.G. topic in taverna), e qualora il Consiglio della repubblica reputi legittima la sfida, l'offensore non potra' rifiutarsi di duellare.

Capo II - Delle modalità di svolgimento del duello

Che le modalita' del duello, la data, e il nodo, saranno decise dal Consiglio della Repubblica, per tutelare l'ordine pubblico.
Che il rifiuto al duello, in assenza di un'offerta di scuse alla controparte e di un'ammenda per il torto arrecato, verrà considerato' reato.
Capo di imputazione : Disturbo all'ordine pubblico.
Sanzione: pubblica gogna (topic in taverna dove qualsiasi cittadino Fiorentino potra' ingiuriare, entro i limiti del buon senso, colui che si e' rifiutato di duellare) piu' risarcimento di 20 ducati all'offeso, da versarsi entro 2 giorni dal giorno del mancato duello.
Che in caso di mancato risarcimento si aprira' debito processo per frode verso quest'ultimo. In caso di violazione delle regole del duello si procedera' ad aprire un processo per tradimento.


Ultima modifica di Admin il Sab Lug 25, 2009 8:35 pm, modificato 1 volta

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 10)

Messaggio  Admin il Sab Lug 25, 2009 8:02 pm

Capitolo VII - Dei doveri del cittadino

- Che ogni cittadino della Repubblica ha l’obbligo di essere fedele alla Repubblica e alle sue Istituzioni;
Che ogni cittadino della Repubblica ha l’obbligo di conoscere le leggi e le altre norme della Repubblica.
Che ogni cittadino della Repubblica, ove richiesto, ha il dovere di difendere la Repubblica ed arruolarsi nell’esercito repubblicano in caso di guerra, ove richiesto.
Che i titoli nobiliari sono protetti dalla Repubblica e dalle leggi. L’uso improprio di un titolo senza la necessaria autorizzazione, è considerato un crimine. I titoli nobiliari sono riconosciuti dalla Repubblica anche attraverso accordi con Istituzioni extrarepubblicane.
Che il Signore ha diritto di nominare un nobile al termine della Consiliatura ove riscontri qualcuno meritevole di tale dignità.


Ultima modifica di Admin il Sab Lug 25, 2009 8:36 pm, modificato 1 volta

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 11 )

Messaggio  Admin il Sab Lug 25, 2009 8:02 pm

PARTE TERZA - DISPOSIZIONI FINALI

- Che la Carta entrerà in vigore dopo le discussioni, le modifiche e l'approvazione dei membri del Consiglio e la sua pubblicazione alla cittadinanza.

- Che all’entrata in vigore della presente tutti I precedenti decreti saranno ritenuti decaduti

- Che nessuno possa infrangere le pagine delle nostre concessioni, o andare contro di essa per audacia temeraria e sconsiderata. Se qualcuno osasse farlo, sappia che incontrerà l'indignazione di Dio Onnipotente e del Beato Aristotele.

Affinché questa Carta rimanga stabile per il futuro, Noi membri del Consiglio, abbiamo fatto apporre i nostri sigilli.


Ultima modifica di Admin il Sab Lug 25, 2009 8:37 pm, modificato 1 volta

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

i ruoli del Consiglio (Firenze) - CARTA della REPUBBLICA FIORENTINA (parte 11)

Messaggio  Admin il Sab Lug 25, 2009 8:03 pm

VI. DISPOSIZIONI FINALI

19. Della Legge Marziale
Qualora la Repubblica Fiorentina si trovasse in tempo di guerra, l'istituzione della Legge Marziale comporta che i crimini di cui alle sezione II e III del presente Libro, vengano puniti con la pena prevista in tempo di pace aumentata della metà in caso di pene pecuniarie e con non meno di 3 giorni di carcere in casi di pene detentive e fino ad un massimo di 10 giorni per reati particolarmente gravi come: brigantaggio e rivolta.
Resta salva la possibilità dell'esilio o della pena di morte ove previsto.

20. Complicità
Colui che si faccia complice o assecondi il Reo nella commissione di alcuno dei reati previsti in questa Carta, sarà punito per lo stesso crimine con pena ridotta tenendo in considerazione, ad esempio, l'apporto fornito alla commissione del delitto, il favorire l'impunità, il ricettare beni di provenienza illecita.

21. Prescrizione
I crimini segnalati e non archiviati, ma non aperti entro la Consiliatura successiva alla segnalazione stessa, si considerano prescritti, decaduti ed improcedibili, con esclusione dei delitti di Tradimento ed Alto tradimento e dei reati per i quali il reo si sia rifugiato all'estero per eludere il processo, per i quali la prescrizione non decorre.

22. Risarcimento e ristoro
Chiunque non risarcisca i danni causati a enti o persone, come stabilito in sentenza, nel successivo procedimento per oltraggio alla Corte, sarà altresì condannato al pagamento di una somma che non potrà superare il doppio di quanto precedentemente statuito come risarcimento.

23. Patteggiamento
Il Giudice della Repubblica può patteggiare con l'imputato la multa assegnata in sede processuale, riducendola di 1/3.
Tale patteggiamento avviene sotto il controllo del Prefetto, che tramite il Viceprefetto assegnato si assicura dell'effettivo pagamento della multa patteggiata.

24 Lavori Forzati
Il Giudice della Repubblica, previo accordo con l'imputato, e tenendo conto delle indicazioni di Sceriffo e/o MdM, può commutare una pena ai lavori forzati in una delle miniere della Repubblica altresì nella risorsa cittadina, nella propria bottega, appezzamento di terra o allevamento, con un cumulativo di giorni di pena, inclusi i giorni di spostamento per raggiungere la miniera/risorsa cittadina indicata da sceriffo/MdM pari alla multa assegnata all'imputato.
NOTE: Siano testimoni i VP dell'esecuzione della pena ricevendo apposito 'screen' domenicale dell'avvenuto lavoro in miniera.
Risorsa lago: vendita al VP del proprio pescato al valore minimo fino al pagamento della multa inferta.
Risorsa Frutteto: vendita al VP della raccolta al valore minimo fino al pagamento della multa inferta.
Bottega: vendita al VP dei propri prodotti al valore minimo fino al pagamento della multa inferta.
Terreno/allevamento: vendita al VP dei propri prodotti al valore minimo fino al pagamento della multa inferta.
Il prezzo di riferimento per il conteggio della differenza sarà definito dal TM in base alla media dei prezzi nella città di residenza del condannato

Admin
Admin

Messaggi : 2136
Data d'iscrizione : 22.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://giallosai.9forum.biz

Tornare in alto Andare in basso

Re: Elezioni sindaco del Consiglio del Principato e usi e costumi varie da altri Principati

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum